sabato, settembre 16, 2006

Sulla Fallaci

E' morto un personaggio di fama internazionale: Oriana Fallaci. Ieri non ho pubblicato niente, perche' non ho trovato le parole giuste. Non ho voluto rischiare di andarci giu' troppo pesante o di unirmi al buonismo di circostanza, che come al solito, invade il mondo politico italiano in questi casi.
Oggi pero' ho trovato le parole giuste. Purtroppo non sono una mia creazione, ma sono di una persona che, a differenza della Fallaci, ho sempre stimato tanto. Gino Strada dice:
"La Fallaci che abbiamo conosciuto, quella che prevedeva la distruzione di Firenze, quella che incitava alla guerra e all'odio con l'Islam, fa parte di un mondo che proprio non ci appartiene".
Ecco, queste sono le parole che cercavo. All'interno di esse ci sono i pochi, ma semplici e solidi motivi per cui non ho mai stimato questa, pur grande, giornalista.

3 commenti:

Mastro ha detto...

Ehi Cho! Sono tendenzialmente d'accordo, anche le parole mi sembrano quelle giuste. Il problema è che non la conosco molto bene, non ho mai letto niente a parte quelle frasi infelici che l'hanno rivelata come un'estremista. Perciò non posso che associarmi alle parole di Gino strada.

Il tuo capo ha detto...

Io direi invece, dio cane, che devi venire a lavorare! Sono tendenzialmente d'accordo nel volerti morto,

Riccardo ha detto...

Schiavo, non meriti risposta!